News&Eventi
MILES GLORIOSUS ...ovvero: morire d’uranio impoverito
27/01/2018

26815036101559034255474166234060477801736716n

E’ il Miles Gloriosus che sa di contemporaneità, ironia e critica quello di Antonello Taurino che inaugura il 27 gennaio prossimo con inizio alle ore 17.30, la rassegna “La Parola nel Segno”, primo calendario d’appuntamenti all’insegna delle arti performative diretto da Paolo Cacciato nella selezione di contenuti proposti da Garden Blaze Management e realizzata alla Fondazione Luciana Matalon da Asian Studies Group nell’attività di Piattaforma CAI – Fondo per la Creatività l’Arte e l’Innovazione.

Un testo acuto, attuale nella destinazione del Teatro Civile a cui Taurino è da sempre molto attaccato e che rappresenta “un’ironica ma serissima denuncia” come lo definisce Alessandro Mauri. Il titolo che rimanda alcelebre testo di Plauto rievoca la cornice di una commedia di altri tempi che è solo presupposto per un dialogo divertito fra i due attori nei panni di sé stessi, allarmati dalla sfida quotidiana alla precarietà a cui la professione del teatrante spesso conduce e che trova escamotage nell’ammissione / confessione di come il “tragico” sia di mercato per la tv di oggi, così come per il teatro.

Ecco allora che la cornice comica, che mai abbandona il passo e la voce di Antonello Taurino, scandita nel dialogo musicato di Orazio Attanasio, allarga gli orizzonti verso una parodia che, richiamata per necessità di mestiere e “convenienza” – “connivenza” di pubblico, diviene bensì denuncia: il soldato fanfarone è vittima di una guerra, quella in Kosovo che l’ha portato a morire. Una morte dimenticata perché condizionata da armi subdole e lasciata il più delle volte nel silenzio per convenienza di sistema.

Lo spettacolo è inserito nella raccolta fondi di Piattaforma CAI, Fondo per la Creatività Arte e Innovazione ed è pertanto gratuito. E’ richiesta però dall’associazione una quota di donazione per la singola data o per l’intera rassegna che verrà inserita nel programma di raccolta fondi.

 

Quota sostenitore regolare: 65,00 euro (accesso a tutti e 5 gli spettacoli, prenotazione posto anticipato con collarino e badge personalizzato, tesseramento annuale ASG incluso per il 2018 che comprende anche accesso a corsi introduttivi gratuiti dei ns programmi formativi di lingue e culture orientali ed eventi culturali da noi sviluppati)

Donazione per singolo spettacolo, raccolta fondi unitaria: 15,00 euro (accesso al singolo spettacolo, selezione di un posto nel giorno dello spettacolo ma posto ovviamente garantito e riservato)